il tempo nella musica del XVI secolo

The Tempo in the Choral Music of the XVI Century

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

I would like to consider how tempo was written about in the sixteenth century and attempts to estimate the speed of the standard tempo that musicians thought of as unexceptional. The sources are more than somewhat ambiguous on this matter, so recourse is made to examining seventeenth-century sources, which are much more explicit. Analysis of […]








il tempo nella musica del XVI secolo

Il Tempo nella Musica del XVI Secolo

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Con questo breve articolo vorrei considerare come veniva indicato e scritto il tempo nella musica del XVI secolo e tentare di stimare la sua velocità ‘standard’, quella che i musicisti di allora consideravano ‘nella norma’. Le fonti originali di quel secolo sono più che ambigue su questo tema, ragion per cui bisogna fare ricorso all’esame […]








interviste impossibili palestrina

Le Interviste Impossibili: Nella Quiete Estiva di Villa d’Este, un Pomeriggio con Giovanni Pierluigi da Palestrina…

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Durante il Romanticismo la vita di molti grandi compositori fu riscritta in chiave idealizzata, una lettura che la ricerca musicologica del Novecento avrebbe poi smantellato a fatica. Simile revi­sione oggettiva può dispiacere, se si pensa al­l’immagine del pio Kantor protestante Johann Sebastian Bach, mosso dall’unico obbiettivo di servire Dio, che si sarebbe rovinato la vi­sta […]








Le Interviste Impossibili: Due Chiacchiere con Claudio Monteverdi

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

A Claudio Monteverdi hanno riferito di uno studioso venuto da un Paese remoto per incontrarlo e lui, di natura curiosa, ha accettato. Così mi hanno fatto indossare un bel vestito rinascimentale e un paio di calzature adatte, per sembrare meno strano, e mi hanno spiegato il cerimoniale per avvicinare il compositore. Mi hanno anche consigliato […]








Musica Ficta: Non così falsa, dopotutto…

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Alterazioni scritte ed implicite Sin dall’inizio dell’XI secolo i musicisti europei hanno avuto a loro disposizione tutto ciò che era necessario per segnare l’altezza delle note senza alcuna ambiguità. Nonostante ciò, sino alla fine del Rinascimento ed anche oltre, i compositori di polifonia vocale, non si preoccupavano di annotare ogni alterazione richiesta. Sapevano che alcune […]








Claudio Monteverdi

Omaggio ai 450 anni dalla nascita di Claudio Monteverdi: la Missa in Illo Tempore

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Il 16 luglio 1610 Bassano Casola, un famoso cantante mantovano di quei tempi, scrisse al cardinale Ferdinando Gonzaga (figlio minore del duca Vincenzo): Monteverdi è in procinto di stampare una messa a cappella a sei voci scritta con studio e fatica, dal momento che ha dovuto manipolare continuamente ogni nota attraverso tutte le parti, rafforzando […]








Brumel

Brumel: Missa Et Ecce Terrae Motus

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Cari lettori, i tristissimi fatti di questi giorni, mi riferisco alla tragedia del terremoto in centro Italia, mi hanno riportato alla mente una composizione di Antoine Brumel, la Missa Et Ecce Terrae Motus che è stata giustamente famosa durante la vita del compositore e che rimane una delle meraviglie della scrittura corale rinascimentale, sia per la […]








Medieval and Renaissance Polyphony

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

In early polyphony FALSETTO singing played an important part, probably long before the technique was specifically described.  Jerome of Moravia’s 13th-century treatise Discantus positio vulgaris mentions three voice registers: vox pectoris, vox guttoris, and vox capitis (chest, throat and head registers).  Until the 19th century almost all mention of the vox capitis (later voce di […]








Alterazioni scritte ed implicite nella Musica Corale del Rinascimento

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Fin dall’inizio dell’XI secolo i musicisti europei hanno avuto a loro disposizione tutto ciò che era necessario per segnare l’altezza delle note senza alcuna ambiguità. Nonostante ciò, i compositori di polifonia vocale sino alla fine del Rinascimento, ed anche oltre, non pensavano che avrebbero dovuto annotare ogni alterazione richiesta. Sapevano che alcune alterazioni potevano essere […]








Dossier on the Renaissance Choral Music

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Dossier: The Renaissance in music occurred between 1450 and 1600. (Some historians place the beginning of the Renaissance as early as 1400.) As in the other arts, the horizons of music were greatly expanded. The invention of printing widened the circulation of music, too, and the number of composers and performers increased. In keeping with the Renaissance ideal […]








Segnare lo spartito…

Pubblicato il 1 commentoPubblicato in Senza categoria

Raramente vi sono dubbi circa l’importanza di evidenziare arpeggi e segni dinamici su una partitura per violino, sia in preparazione delle prove e sia per l’esecuzione di un brano orchestrale. Il tempo delle prove può essere sprecato se questo non viene fatto per nulla o non fatto con attenzione. Uno degli ultimi eminenti direttori d’orchestra […]








The Twelve Old Modes

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

The first eight modes were designated in the medieval era, as a way to classify pre-existing Gregorian chants. The next four were added by Glareanus in 1547. This gave way to our modern system of tonality, especially via the Ionian mode. The most important note of a mode is its “final” or the note on […]








Italian Latin for choirs

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

The Latin language developed as one of the dialects of the Italian Peninsula, in the area around Rome, in pre-Classical times. The other “Italic” dialects died out, but some influence on pronunciation remained, for instance, in the northwest region, Gallia Cisalpina, where the substratum was Celtic, as in transalpine Gaul. Regional dialects of Italian have […]








Morten Lauridsen: anima e carisma.

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Morten Lauridsen è considerato uno dei più interessanti compositori americani contemporanei. I suoi brani figurano nel repertorio di molti cori e si caratterizzano per la cantabilità delle melodie e per l’aderenza ai testi. Il maestro conduce anche, impegni permettendo, una vita a contatto con la natura, nei boschi al confine tra gli Stati Uniti e […]








musica liturgica

Lo sfacelo della musica liturgica: una costante che progredisce!

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Sfacelo della musica liturgica….vediamo il perchè! Il canto, in ogni tipo di sua forma, è una manifestazione artistica dell’uomo, come la pittura, la scultura, la prosa, ecc., che prevede da parte di chi lo esegue una certa predisposizione e un ovvio grado di consapevolezza e conoscenza. Non è assolutamente vero che tutti possono cantare, senza […]








Victoria’s Officium Defunctorum is the repertoire for the new Rimini Choral Workshop 2014

Pubblicato il Pubblicato in Senza categoria

Victoria’s Office of the Dead includes his second Requiem Mass, written for six-part choir. This music, often known simply as Victoria’s Requiem, has been regarded as some of his finest and one of the last great works in what we call the Renaissance polyphonic style. Its refined and dignified austerity is shot through with passionate conviction; […]